GRANDE NOVITA

Da oggi puoi prenotare online i tuoi prodotti e pagarli direttamente in negozio!

Scegli il negozio più vicino
Prenota & Ritira in negozio Scegli il tuo preferito

1 Scegli e prenota i tuoi prodotti online

2 Ritirali e pagali nel negozio che preferisci!

3 Ritira nel negozio che hai scelto in 2 ore!

0
Totale (IVA incl.) 0,00 Totale VIP CLUB 0,00

Ultimi prodotti aggiunti

Nessun prodotto nel carrello.

Prenota & Ritira in negozio Scegli il tuo preferito

1 Scegli e prenota i tuoi prodotti online

2 Ritirali e pagali nel negozio che preferisci!

3 Ritira nel negozio che hai scelto in 2 ore!

Ultimi prodotti aggiunti

Nessun prodotto nel carrello.

Prenota e Raccogli
1 SCEGLI IL NEGOZIO
2 PRENOTA I PRODOTTI
3 RITIRALI IN 2 ORE

    Varicella: che fare?

    Molto fastidiosa per il tuo bambino, con qualche piccola accortezza la varicella resterà un ricordo in men che non si dica!

    Varicella: che fare?

    La varicella è una malattia infettiva e contagiosa, molto comune tra i bambini, che difficilmente colpisce quelli sotto l’anno, ancora protetti dai tuoi anticorpi, se lo allatti. È causata dal virus Herpes-Zoster (lo stesso ceppo del più conosciuto fuoco di Sant’Antonio) che si manifesta con eruzioni cutanee tipo vescicole puriginose molto fastidiose per il tuo piccolo che tenterà di grattarsi. Inizialmente, i sintomi sono molto simili a quelli influenzali: febbre, inappetenza e stanchezza. Capirai che ha contratto questo virus solo quando compariranno le caratteristiche veschichette che si presentano da subito sulla pancia e sotto i capelli per poi espandersi in tutto il corpo. Il contagio può avvenire per via aerea o tramite la saliva, quindi semplicemente entrando in contatto con un amichetto che ha contratto a sua volta la malattia anche se non presenta ancora le macchie sulla pelle poichè il virus si trasmette da qualche giorno prima della loro comparsa e fino a quando non si trasformano in crosticine secche e ha un periodo di incubazione di due settimane circa.

    Come alleviare il malessere del tuo piccolo? È una malattia che passa da sola senza l’utilizzo di rimedi particolari ma, se vuoi dare un po’ di sollievo al tuo piccolo che continua a lamentarsi per il prurito, il tuo pediatra ti consiglierà antistaminici adatti a lui, che riducono sensibilmente il fastidio. A livello cutaneo, sono indicate inoltre lozioni rinfrescanti o creme idratanti, molto fluide e meglio se prive di profumazioni e alcool, che potrai spalmargli delicatamente sulla pelle dopo un bagno a base di farina d’avena o di amido di riso, ottime soluzioni per le loro qualità antiinfiammatorie e lenitive. Controlla che le sue mani siano pulite il più possibile per evitare che possa infettare le veschiche quando non riesce a fare a meno di grattarsi.

    In generale, si raccomanda di stare a riposo, di seguire una dieta alimentare leggera e priva di cibi piccanti o troppo acidi che aumenterebbero la sensazione di bruciore e di prurito, così è meglio preferire frutta e verdura fresca contenenti vitamina C, che rinforzano le difese immunitarie e accellerano la guarigione. Per la febbre, puoi dargli l’antipiretico che usi anche quando è influenzato.

    Se vuoi provare un rimedio naturale, puoi provare con l’omeopatia: il Rhus toxicodendron calma il prurito, rallenta la diffusione delle macchie e favorisce la guarigione.

    Quando tutte le vescichette saranno secche, non sarà più infettivo e potrete riprendere la vita di tutti i giorni!

    Ricorda sempre che è comunque bene chiedere consiglio al tuo pediatra di fiducia che sicuramente saprà darti le giuste raccomandazioni.