GRANDE NOVITA

Da oggi puoi prenotare online i tuoi prodotti e pagarli direttamente in negozio!

Scegli il negozio più vicino
Prenota & Ritira in negozio Scegli il tuo preferito

1 Scegli e prenota i tuoi prodotti online

2 Ritirali e pagali nel negozio che preferisci!

3 Ritira nel negozio che hai scelto in 2 ore!

0
Totale (IVA incl.) 0,00 Totale VIP CLUB 0,00

Ultimi prodotti aggiunti

Nessun prodotto nel carrello.

Prenota & Ritira in negozio Scegli il tuo preferito

1 Scegli e prenota i tuoi prodotti online

2 Ritirali e pagali nel negozio che preferisci!

3 Ritira nel negozio che hai scelto in 2 ore!

Ultimi prodotti aggiunti

Nessun prodotto nel carrello.

Prenota e Raccogli
1 SCEGLI IL NEGOZIO
2 PRENOTA I PRODOTTI
3 RITIRALI IN 2 ORE

    Ginnastica anche per il pavimento pelvico

    Sconosciuti a gran parte delle donne, i muscoli del pavimento pelvico vanno mantenuti tonici e allenati per prevenire spiacevoli disturbi. Vediamo come.

    Ginnastica anche per il pavimento pelvico

    Che cos’è il pavimento pelvico e dove si trova? Più noto, forse, con il nome di perineo, che ne indica però solo una parte (la zona tra la vagina e l’ano), il pavimento pelvico è l’insieme di fasce muscolari che chiude “come un tappo” la parte inferiore del bacino. Su di esso appoggiano, come su un’amaca, i visceri pelvici, ossia uretra e vescica, canale vaginale e utero, retto. Mantenere questi muscoli tonici e allenati è fondamentale per assicurare un corretto posizionamento degli organi interni e per prevenire disturbi quali, ad esempio, l’incontinenza urinaria.

    La gravidanza, con i suoi importanti cambiamenti fisici e ormonali, mette a dura prova questi muscoli sollecitandoli moltissimo e c’è il rischio alla fine, se non si prendono le dovute precauzioni prima e dopo il parto, che perdano la loro capacità di continenza.
    Dunque è importantissimo sforzarsi di mantenerli allenati e gli esercizi specifici da fare, noti come esercizi di Kegel (dal nome del ginecologo che li inventò), sono semplici ed eseguibili ovunque.

    Per prima cosa però occorre capire di quale zona del corpo si sta parlando, bisogna imparare a sentirla. Per farlo, esegui il cosiddetto “stop-test”, ossia prova ad interrompere il flusso di urina mentre stai facendo pipì.

    Una volta individuati i muscoli da esercitare, gli esercizi sono essenzialmente due e con la pratica potrai svolgerli ovunque, ma all’inizio ti consigliamo di farli da sdraiata.